Terapia amniotica

La terapia amniotica è un nuovo intervento di gruppo che coinvolge il corpo e la psiche e si svolge in acqua a 35°. L’obiettivo di questa terapia innovativa è rinforzare nei partecipanti la sicurezza in se stessi attraverso la cura protettiva del gruppo e arricchire la qualità ed il benessere della propria vita e delle proprie relazioni sociali.

Nel calore dell’acqua possono attivarsi ricordi ancestrali del contatto con il liquido amniotico; l’utente gradualmente si affida al terapeuta che lo sostiene e lo aiuta ad entrare in un contatto profondo con se stesso e con gli altri partecipanti all’esperienza. In acqua il peso del corpo si riduce di circa sei volte e questo permette, sia a chi tiene che a chi è tenuto, di percepirsi leggero come nei primi mesi di vita infantile. I movimenti effettuati dai terapeuti che sostengono gli utenti hanno come modello l’alternanza di contrazioni e distensioni del grembo materno, che produce un ritmo armonico di contatti e distacchi della parete uterina dalla superficie corporea del feto, sempre mediati dal liquido amniotico.

Nella terapia amniotica l’alternanza di contatti e distacchi è sperimentata dagli utenti insieme ai terapeuti. La comunicazione nel gruppo si basa sui tipici gesti dell’accudimento parentale denominati da Winnicott (1945) “holding and handling” (due parole che includono i concetti del contenere, tenere in braccio, manipolare, cullare, accarezzare, dondolare, avvicinare a allontanare dal proprio corpo). L’utente ha anche la possibilità di sperimentare l’esperienza fisica e psichica di contenere e contemporaneamente essere contenuto in modo armonico creandosi in tal modo la premessa fisica per integrare le funzioni psichiche del contenitore-contenuto (Bion,1962). Grazie a questo tipo di comunicazione primaria “amniotica” tra terapeuti e utenti si crea una sintonizzazione affettiva che attiva il senso di essere protetti. Ciò contribuisce ad aumentare la positiva consapevolezza di essere-bene in se stessi, sicuri nel rapporto con gli altri.

Il gruppo Amnios offre sessioni di terapia amniotica della durata di un’ora e mezza, con frequenza che va da 1 a 4 quattro volte alla settimana.

 


Bibliografia

Bion, W.R. (1962). Learning from Experience. London: Heinemann.

Winnicott, D.W. (1945). Primitive emotional development. In Through Paediatrics to Psychoanalysis: collected papers (Ch 12). 1958. London: Tavistock.